Tag: Gianluca Sposito

Il moderno linguaggio horror dei giuristi

Il linguaggio dei giuristi? Moderno ma rispettoso della tradizione.Prossimamente una serie: horror. Il seguito? “The profundis”…Quando il latino non basta, l’inglese lo aggiusta. Articolo visibile anche su: LinkedIn, Facebook, Retoricamente, Visiones.

Figli straordinariamente ordinari

«HPI» sta per alto potenziale intellettuale: è la parola magica che ossessiona i genitori parigini, pronti a sborsare centinaia di euro per i test del QI (Quoziente Intellettivo), nella speranza che vengano classificati come HPI e possano avere accesso a percorsi speciali. La sigla viene usata per indicare gli adulti…

Di chi è la colpa?

La colpa è di chi si addormenta o di chi fa addormentare? Sia che si parli, sia che si scriva, la colpa è di chi non si chiede: come comunichiamo? Come costruiamo qualunque discorso? Siamo efficaci? Il futuro della comunicazione forense (e non solo) è nella nostra capacità di riconoscerne limiti…

L’insopportabile comunicazione politica modello réclame

Provate a isolare dai notiziari televisivi le dichiarazioni rese da alcuni esponenti politici. Provate ad allontanarvi dall’appartenenza dell’uno o dell’altro ad un certo schieramento, e anche dai singoli contenuti del messaggio. Provate, quindi, a valutare lo stile comunicativo di molti di loro: uno stampo unico. Quello della réclame. Su tutti,…

Il giurista narcisista

180 parole, senza neanche un punto o un punto e virgola, attraverso un dedalo di subordinate, per esprimere un pensiero? Cos’altro è, se non narcisismo della scrittura? Uno dei principali problemi del linguaggio e della comunicazione forensi è senz’altro l’inutile ma tanto ostentata complessità: intrìco, dunque sono. È ciò che…

Gli avvocati e l’antilingua di Calvino

«Ogni giorno, soprattutto da cent’anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un’antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli di amministrazione, redattori di giornali e di telegiornali scrivono, parlano…

“Avvocato, concluda”

Se non fosse per me raccapricciante, potrebbe anche essere divertente sentir dire a qualche avvocato: “La retorica è inutile: ormai si fa tutto per iscritto e da remoto”. Senza considerare che anche per iscritto e anche da remoto si usano pur sempre ‘parole’. E senza considerare che, soprattutto negli spazi…

Che corso!

Questi sono gli studenti del mio corso di Argomentazione giuridica e retorica forense di Urbino. Erano i primi di ottobre, assieme ad Enrico Carofiglio per una lezione speciale. Ieri molti di questi studenti hanno concluso con l’esame il percorso iniziato allora. Bravi, davvero bravi. La mia soddisfazione di docente l’ho…

Parole umanoidi

“La mia energia è davvero bassa, quindi questa potrebbe essere l’ultima immagine che posso inviare. Non preoccupatevi per me, però: il mio tempo qui è stato sia produttivo che sereno. Se posso continuare a parlare, lo farò – ma presto chiuderò qui. Grazie per avermi seguito”. Così ha twittato la…

Il mattino ha l’oro in bocca

Il 22 dicembre 1980 usciva nelle sale italiane “Shining” di Stanley Kubrick, con Jack Nicholson. Qual è la frase che Jack Torrance scrive ossessivamente sulla macchina per scrivere? Nella versione originale del film è il proverbio “All work and no play makes Jack a dull boy”. Nella versione italiana, per…